Un insolito e straordinario foulard Gucci

san marco di castellabate

Una tappa nel Cilento nel periodo estivo è divenuta una meta quasi fissa. Anche quest’anno, non tarda ad arrivare, il gradito invito da parte degli amici Francesco ed Emilia che io accetto anche questa volta ben volentieri.

castellabate

Trascorrono le vacanze in un paesino vicino Castellabate in una villa di fine 800’ dove l’azzurro della piscina sembra ricongiungersi con quello del mare.

P1060207

La casa gode di una posizione privilegiata e da qui il tramonto è spettacolare, una volta che lo hai visto non puoi farne a meno!

san marco di castellabate

Dalla terrazza che domina il piano nobile, dove una rigogliosa buganvillea spadroneggia nella scala esterna, dal prato circostante la piscina, dalla piccola finestra-balcone che si affaccia negli orti e si perde nel mare, ogni posizione scelta offre ogni sera una emozione differente.

P1060391

Come d’abitudine anche questa casa è stata da me studiata ed osservata in ogni suo particolare. Se vuoi conoscere una persona non puoi fare a meno di conoscerne anche la sua dimora.

P1060396

Ho sempre avuto una certo sospetto per coloro che fanno proclami di grande nobiltà, soprattutto su facebook, quando poi non possiedono un niente di quel passato glorioso che vantano (la scusa “abbiamo venduto tutto tempo fa” non regge, un minimo rimane sempre…basta un poco per capire tanto).

P1060392

Gli ambienti che prediligo di questa villa sono la grande cucina, con la sua ricca collezione di stampi in rame, e la sala del piano superiore con il suo camino con mostra in ceramica e le grandi porte finestre che immettono sulla terrazza panoramica.

P1060362

Ogni stanza ha un particolare che la rende armoniosa e piacevole. La enorme cesta da picnic è quasi un pezzo da museo, così grande da entrarci anche io.

P1060404

Insieme ad Emilia mi sono divertito a scartabellare vecchi documenti, libri antichi, ad aprire cassetti ed armadi. Non sono animista. Ma penso che ogni oggetto viva una sua vita. Ogni oggetto ha una sua voce. Alcune volte mi sembra di sentirli. Gli oggetti mi parlano e cercano di attirare la mia attenzione.

foulard Hermès vintage

Avevo già notato i grandi foulard in seta di Hermès incorniciati ed appesi nel ballatoio… ma due mi erano proprio sfuggiti.

hermès vintage

I foulard appartenevano alla N.D. Gioia De Cunto, madre di Francesco, parente niente meno che del celebre Gioacchino Rossini. Emilia mi racconta di sua suocera, una donna di grande eleganza e molto curata, attenta alle mode e con una grande passione per le borse in pelle pregiata e…per i foulard.

gucci accornero

Sul muro della prima rampa di scale ne esiste uno davvero particolare. Bordi esterni rosso cardinale, agli angoli quattro silhouette di donne sorridenti, fondo bianco, un tripudio di piume colorate, con estremità imperlate, formanti al centro una girandola con gemma taglio diamante.

gucci accornero

Ad attirarmi è la scritta: “V. Accornero”. Ma allora è un foulard di Gucci! Vittorio Accornero de Testa, nativo di Casale Monferrato, collaborò dal 1960 al 1981 con Gucci disegnando circa 80 foulard, a renderlo celebre il famoso Flora creato nel 66’ per Grace Kelly.

Infatti non tardo a vedere il logo in un angolo, scritto su una sorta di cartiglio sorretto dalle mani ingioiellate di una donna che ammicca con occhi cerulei.

gucci accornero

Non sono semplici donne sono le 4 stagioni! Dalle acconciature spuntano papaveri, spighe di grano, pungitopo, iris e bacche rosse.

foulard gucci accornero

I lunghi capelli di ciascuna formano riccioli, dal sapore barocco, incorniciano il foulard ricongiungendosi con le estremità dei capelli dell’altra. Che meraviglia pensare che si tratta di un foulard degli anni 70’ che ricorda un dipinto del 700’! Chissà in quel occasione fu indossato. Unica certezza è che queste quattro donne continuano a sorridere a chi le guarda, non hanno perso della loro giovinezza e voglia di ammaliare.

foulard gucci accornero

La notte precedente dalla mia camera mi era parso di sentire delle voci ed uno strano sorriso. Non sarebbe affatto strano se Donna Gioia avesse chiesto al foulard di Gucci di parlarmi per raccontare a voi tutti la sua storia.

P1060200

La storia di un foulard di Gucci in seta, che adorna la parete centrale della scala di una villa antica, in un piccolo paesino del Cilento, nell’estate di un Sud d’Italia, odiato, disprezzato, amato. Un Sud dai mille difetti e mille pregi, un Sud capace di stupire con la semplicità di un tramonto, con la trasparenza delle acque del suo mare. Di questa storia con orgoglio sono parte anche io, come te, come tanti altri.

gucci accornero

Un Sud di una eleganza sofisticata, ineguagliabile, che ti sorprende con la stessa emozione provata dal nascituro che apre gli occhi ed intravede per la prima volta la sagoma di colei che già da tempo gli ha promesso amore eterno.

P1060186P1060188P1060192P1060193

P1060195P1060198P1060199P1060200


Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il Blog del Marchese Copyright © 2021 - Website Development 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. Ulteriori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi