Krug Experience a Palazzina Grassi

DSCN3200

Krug Experience a Palazzina Grassi

Ricevo in email questo invito: “Krug Experience a Palazzina Grassi. Sarebbe un piacere averla nostro ospite a cena per degustare gli ultimi millesimati della celebre Maison insieme alla Grande Cuveè”. Non ci penso due volte, accetto e parto alla volta della città lagunare. Organizzazione ineccepibile c’è perfino un taxiboat che mi attende per portarmi in hotel.

DSCN3179

Sospiro guardando lo scenario che riempie di meraviglia i  miei occhi, ogni volta che ritorno a Venezia è come la prima volta. Quella  stessa  sensazione la ritrovo quando a Tropea dall’ “Affaccio di Liliano”, la nota terrazza panoramica, il cielo ed il mare si mescolano e in quel momento comprendi che c’è lo zampino di qualcuno che dall’alto ci guarda e sorride per la nostra strana felicità.

DSCN3183

Arrivo alla Palazzina Grassi e vengo accolto cordialmente da Simona e Linda. La sensazione che percepisco è che non sono in un hotel, non esiste la classica reception, ma ti ritrovi subito in un ampio salone che ti fa sentire a casa e non in un posto estraneo.

Krug Experience a Palazzina Grassi

Quando vieni a conoscenza che il tutto è stato ideato da Philippe Starck, inutile porsi altre domande.

Si avvicina l’ora della cena fremo dall’attesa di conoscere gli altri commensali, provo la stessa smania e curiosità della Hepburn nel divertente film “Indovina chi viene a cena?”.

DSCN3188

Entriamo nella Krug lounge. Percorro la camera dove al centro è posizionata l’elegante tavola, con sedute in ferro battuto, illuminata da lampadari da cui scendono dei filamenti bianchi come fosse cera di candele consumate.

DSCN3192

Finale: una porta finestra che si affaccia sulla laguna, illuminata da una stupefacente luna, e su Cà Rezzonico.

Krug Experience a Palazzina Grassi

Ecco gli altri ospiti, iniziano le presentazioni. Ingredienti: una sommelier, un wine maker, giornalisti e critici enogastronomici, un marchese, un senior brand manager, una importante blogger, ufficio stampa Krug, il proprietario dell’hotel (arrivato in motoscafo) ed il mio amico Antonio (in ritardo).

roberta antonioli

Vi posso assicurare che mescolati insieme questi ingredienti hanno dato vita ad una serata conviviale di estrema piacevolezza. C’è la Francesca di Frizzi Frizzi, per me è un vero onore essere stato invitato insieme a Lei, uno di quei pochi blog che reputo davvero degni di essere letti.

DSC_0060

A tavola: alla mia sinistra Roberta Antonioli, a destra Jane Cardani, difronte Simona Veronesi, cosa chiedere di meglio, sono in una botte di ferro!

Krug Experience a Palazzina Grassi

Riccardo Caliceti ci da il benvenuto e ci racconta in breve la di storia della Maison Krug.

riccardo caliceti

Ma il padrone di casa è lo Champagne che ci accompagna nel corso della cena scandita da pietanze che privilegiano i prodotti a “Km0”.

DSCN3198

Ogni portata accompagnata da un diverso champagne per esaltarne i sapori.

DSC_0115

Davvero brava Michela Cimatoribus, sommelier consulente Krug, che con la sua semplicità e professionalità è riuscita a far appassionare anche chi come me è estraneo al mondo del food&wine.

DSC_0105

Si inizia con spaghettini di asparagi bianchi di Cimadolmo, caviale e moeche per poi far seguito con un polpo morbido e croccante in salsa orientale e zenzero.

DSC_0107

Le moeche sono i granchi tipici della laguna, vengono pescati quando mutano il carapace pertanto si presentano molto morbidi. Devo ammettere che il granchio non mi aveva fatto tanta simpatia, ma mi sono ricreduto, era ottimo. Entrambi i piatti accompagnati da un Krug Grande Cuveè, l’eccellenza della Maison. Uno Champagne dal color oro intenso che nasce dalla miscela di 120 vini di circa dieci annate differenti e tre varietà d’uva, dalle note di agrumi, mandorle ed aromi floreali.

DSCN3219

Strozzapreti ai gamberi viola e fave novelle e Krug 2000. Un anno che a seguito dei repentini cambiamenti climatici ha portato un raccolto abbondante e a uve ricche.

DSC_0167

Krug ha miscelato vini provenienti da diversi appezzamenti di tre varietà d’uva: il potente Pinot Noir, l’aromatico ed espressivo Chardonnay,  il generoso Pinto Meunier. Un riposo in cantina di almeno dieci anni, risultato uno champagne dai sentori della nocciola, torrone, caramello, intenso e persistente.

DSC_0213

Arriva il secondo: pescato del giorno con legumi di primavera e fagioli di Risina. Abbinato al pesce il Krug 1998, quarto ed ultimo Millesimato Krug degli anni ‘90, dalle note di frutta secca e panpepato.

DSC_0159

Sarei a questo punto anche sazio, ma al dolce non rinuncio mai. La millefoglie di fragole e mango, in salsa agrodolce all’arancio, è li che mi guarda ed io non la faccio attendere più di tanto e la inebrio con un Krug Grande Cuveè.

DSC_0228

Un plauso allo chef, Luigi Frascella, ed al suo staff che a fine serata vengono a salutarci.

DSC_0222

Quando si sta bene le ore trascorrono davvero in fretta, sono quasi le 3 del mattino ed è ora di andare a dormire.

DSC_0191

Saluto tutti i commensali ringraziandoli per la squisita compagnia: Andrea Claudio De Min, Emanuele Garosci, Luigi Cremona, Lorenza Vitali, Gianluca Bisol, Francesca Arcuri, Fabio Birri, Michela Cimatoribus, Riccardo Caliceti, Roberta Antonioli, Jane Cardani, Simona Veronesi, Linda Marriotti.

DSC_0224

Mi sveglio prestissimo, posso dire di non aver mai dormito in effetti, per ammirare l’alba su Venezia e per regalarvi questa ultima emozione. Grazie Krug!

DSCN3226

DSCN3233

 


Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il Blog del Marchese Copyright © 2021 - Website Development 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. Ulteriori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi