“We are Now” a Palazzo Bevilacqua Ariosti per Arte Fiera

“We are Now” a Palazzo Bevilacqua Ariosti per Arte Fiera

In occasione di Arte Fiera 2020 lo storico Palazzo Bevilacqua Ariosti ha ospitato un progetto site specific “We are Now” di Giovanni Sesia, le cui opere ed installazioni hanno occupato lo spazio della corte interna e della loggia, e di Manuel Felisi, con alcune opere ed installazioni presentate invece nel Salone cosiddetto “del Concilio di Trento”. Uno degli eventi d’arte più attesi in città e certamente il più ambito, che ha visto la partecipazione di numerosi socialite, nobiltà e stampa. Ma vediamo nel dettaglio. Noi – siamo – ora, tre parole a riassumere tre assunti fondamentali: il nostro esserci nel mondo; la nostra presenza in un certo luogo preciso, posto ad una certa latitudine e longitudine, ed in un dato momento storico, quello appunto dell’oggi.

Torna immediatamente alla mente il pensiero di Martin Heidegger e la sua vastissima riflessione sul concetto di tempo. Alla domanda chiave: che cos’è il tempo? Ed in particolare: che cosa significhi esserci nel tempo, il grande filosofo del Novecento postula che l’esserci sia il tempo e che la temporalità sia l’essenza stessa della vita umana. Proprio partendo da queste riflessioni occorre leggere le opere dei due artisti: Giovanni Sesia e Manuel Felisi. Il loro sentire ed il loro gesto, che assume la forma di opere e di installazioni risultanti dall’utilizzo dei materiali più diversi, atti a raccogliere e a trasmettere emozioni, vuole essere per ognuno di loro una sorta di portale, per il tramite del quale accogliere e raccontare la memoria di un tempo d’antan.

Ed è un linguaggio d’arte che si sofferma ad osservare la presenza così come si confronta con l’assenza; sono volti ed immagini accolte e restituite a nuova vita dal gesto melanconico e carico di nostalgia di Giovanni Sesia; una sedia vuota evocatrice di coloro che ne hanno fruito; proiezioni su materiali leggeri ed effimeri così come è transitorio il loro farsi materia. Quali moderne Vanitas, a cogliere la caducità del vivere e la transitorietà della vita e delle cose, le fotografie pittoriche, emergono dai morbidi marroni del fondo, sul quale spesso compaiono numeri o scritte, segni che riportano alla realtà un racconto altrimenti solo immaginabile.

Tocchi di rosso ne illuminano, a volte, la superficie. Presenze che, nel farsi materia, appartengono al tempo dell’oggi; sono ora, in un dato momento ed in un luogo e spazio preciso, uno spazio che, ci ricorda Einstein, e ancora prima Aristotele, non è assoluto, bensì ‘esiste mediante le energie ed i corpi che contiene’. Il nostro presente, in quanto spettatori, ne risulta amplificato, allorchè, nel desiderio di trattenerne la memoria, ci apriamo all’ascolto di un sapere e di un sentire antico che, a livello inconscio, continua a scorrere nelle nostre vene, ed è parte costitutiva del nostro essere uomini.
Manuel Felisi, all’interno del Salone del Concilio, dà forma ad una visione di alberi, composta in modo organico ed ordinato attraverso una sequenza di riquadri. Quelli che, egli racconta, il suo occhio vedeva da bambino, al di fuori della finestra della sua stanza. Memorie di un tempo dell’inizio, ove l’immagine si incide nell’animo, creando una corazza, attorno alla quale tutto si raccoglie.

Vertigini di alberi spogli; le fronde si fanno radici, ad aprire la visione anche a ciò che l’occhio non vede, ma che pure esiste. Quale un maestro d’orchestra, egli suona un concerto simbolico; il grande piano a coda, candido come la neve, esegue la sinfonia della natura; attraverso un artificio prospettico la tastiera si fa ramo, le mani si fanno radici, una linfa che pare scorrere nelle nostre stesse vene.

Ai lati, la nostra memoria di uomini è simbolicamente conservata ed organizzata entro celle frigorifere, che ne tutelano la sopravvivenza in eterno, per un tempo-altro, o meglio un tempo di altri, delle generazioni che saranno dopo di noi. Lettere d’amore, testi sacri, e i semi della natura, un orto botanico in miniatura, per garantire la sopravvivenza della specie.

Attimi di silenzio, per porsi in ascolto e ricercare dentro di sé; un tuffo alle radici della propria esistenza; il pianista poggia le mani alla tastiera dell’universo; un concerto che continua a suonare, indipendentemente dal nostro intervento; le note sospese nel tempo dell’ora, un tempo che raccoglie in sé tutti gli altri; il tempo di ieri, il tempo che sarà, e che è già in nuce nell’oggi; lo spaziotemporale del nostro respiro.
WE ARE NOW
Giovanni Sesia | Manuel Felisi
A cura di Eli Sassoli de’ Bianchi e Olivia Spatola
In collaborazione con Fabbrica Eos, Milano
Palazzo Bevilacqua Ariosti
Via D’Azeglio 31, Bologna
Allestimento multimediale per Giovanni Sesia a cura di Stefano Sgarella

Your text with dropcaps here arte


Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il Blog del Marchese Copyright © 2018 - Website Development 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. Ulteriori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi