Non si dice “buon appetito”

non si dice buon appetito

Non si dice buon appetito

A tavola e al tavolino si riconosce il signore e il signorino“, così recita un antico adagio. Ed in tema di bon ton a tavola si presenta sempre l’ennesimo quesito: si dice o non dice “buon appetito“? Se qualche commensale pronuncia la fatidica locuzione come comportarsi?
Andando indietro nel tempo ricordiamo che per la nobiltà il momento della tavola era un’occasione per conversare, creare alleanze tra le famiglie, parlare di affari. Un nobile non arrivava mai affamato ad un banchetto poiché il cibo era solo un contorno piacevole alla conversazione. I tempi cambiano ed il cibo non è più un semplice pretesto per stare andare a tavola, ma può divenire esso stesso oggetto di conversazione.

galateo a tavola non si dice buon appetito
Se non si dice “buon appetito è naturale che tutti si chiedano il motivo. Tra le spiegazioni, almeno quella più sensata, si rinviene nel fatto che alla fine del sec. XIX i nobili raduvano, una volta all’anno (ad esempio nel periodo natalizio), la servitù e tutto il proprio entourage, invitandoli alla propria tavola ed offrendo un ricco pasto. E proprio in quest’occasione il nobile dava inizio al pranzo con un “buon appetito!”. Ne consegue quindi che vista l’origine dell’usanza, oggi iniziare un pasto con “buon appetito” corrisponderebbe ad un implicito trattare i commensali come servi. Un uomo ritenuto “superiore” augura “buon appetito” a persone “inferiori”, quindi augurare “buon appetito” significherebbe offendere il nostro interlocutore.

non si dice buon appetito
Secondo altra spiegazione, che mi convince meno, in Francia con l’arrivo della forchetta a tavola (fino ad allora si usavano le mani) venne meno l’abitudine di dire “buon appetito”, proprio perché, in caso contrario, sarebbe stato sottolineato l’istinto animalesco di nutrirsi e non la voglia di stare al tavola per piacere.
In entrambi le motivazioni emerge, in ogni caso, che il divieto al “buon appetito” è di casta: della nobiltà prima, della borghesia per imitazione.
I tempi si rinnovano…il galateo si evolve e le consuetudini cambiano da luogo a luogo. Pensiamo al fatto che i camerieri francesi augurano bon appetit” e gli inglesi “enjoy” quando servono.
Se proprio non è accettabile dire “buon appetito” e non vogliamo infrangere una regola centenaria perché non dire: “auguriamo un piacevole pranzo“. Anche abbassare la testa ed iniziare a mangiare senza dire nulla non è poi tanto cortese! Ricordiamoci sempre che prima di iniziare a mangiare occorre aspettare che tutti i commensali siano stati serviti.


Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il Blog del Marchese Copyright © 2018 - Website Development 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati. Ulteriori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi